Cerca nel blog

Translate

giovedì 28 settembre 2017

L'Assertività mi può aiutare a gestire la rabbia?

Quando salgono i toni nella comunicazione cosa possiamo fare? 
Come possiamo gestire l'aggressività e non distruggere  la nostra relazione o rapporto di amicizia?

La soluzione si trova nell'assertività.

Ma di cosa si tratta? Cos'è l'assertività?

"L'assertività,  parola che ha origine dal latino "asserere" che significa "asserire", è uno stile di comportamento che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni senza tuttavia offendere né aggredire l'interlocutore" (Wikipedia).
Quindi per una comunicazione assertiva è importante riconoscere  i propri bisogni, emozioni e desideri ed esprimerli nel rispetto di sé e dell'altro.

 Da dove iniziare? 

👉  Il nostro primo passo sarà acquisire più amore per noi stessi  e incrementare l' autostima. Solo chi ama sé stesso riconosce i propri bisogni e non li soffocherà incrementando rabbia e frustrazione. Potrà quindi mettersi in relazione con gli altri senza sentirsi né inferiore né superiore. E si riconoscerà il diritto di esprimersi perché si sente allo stesso livello degli altri. Come inizio Vi consiglio questo esercizio: annotate su un foglio, ogni giorno, una qualità positiva che vi appartiene. Riconoscendovi delle qualità imparerete a riconoscere del positivo in voi, imparerete ad ascoltare i vostri bisogni e  questo vi aiuterà  a esprimervi. 


👉 E' importante non giudicare l'altro. Per agevolare questo tipo di comunicazione  esercitatevi a fare affermazioni che iniziano con il pronome "io" piuttosto che "tu".  Seguite questo schema:

Descrivete quello che provate così “Io mi sento”, continuate descrivendo il comportamento dell'altro che vi da fastidio usando la frase "quando tu" aggiungete " perché" per far capire come il comportamento è legato alla vostra emozione e infine concludete dicendo ciò che voi volete " Io voglio...". In pratica la frase può essere: "Io mi sento arrabbiata – Quando non mi ascolti – Perché mi sento ignorata – E vorrei che tu mi considerassi di più”. Otterrete più risultati   rispetto al messaggi tu “E’ colpa tua – Quando tu non mi ascolti – Perché mi sento ignorata – Tu sei un egoista”. Quando siamo arrabbiati  spesso  ci sfoghiamo direttamente con la persona rivolgendogli tutte le cause del nostro malessere. Le  conseguenze alle volte sono incalcolabili. E' ovvio che esprimere la nostra rabbia contro la persona che ci ha deluso ci libera temporaneamente dal fastidio, ma nel lungo termine potrebbe aggravare la situazione fra noi e l'ambiente. Ambiente che rappresenta gran parte della nostra vita e delle nostre relazioni. Rivolgete  quindi la vostra rabbia al comportamento che non condividete  piuttosto che direttamente all' interlocutore.

👉 Cercate di orientare la rabbia alla soluzione del problema. In un posto tranquillo, provate a respirare profondamente e a immaginare tutte le possibili soluzioni. Scrivetele su un foglio e poi decidete quale e' più efficace in quella situazione. In questo modo starete trasformando la rabbia in creatività.

Nessun commento:

Posta un commento